Rinnovo Cessione del Quinto a Palermo: tutte le novità del 2020 per Dipendenti e Pensionati

Rinnovo Cessione del Quinto a Palermo: tutte le novità del 2020 per Dipendenti e Pensionati

Il rinnovo della Cessione del Quinto dello Stipendio o della Pensione è un finanziamento pensato per chi deve realizzare ulteriore liquidità senza attendere la conclusione della cessione quinto già in corso di pagamento.

In pratica, il rinnovo consiste nel rinegoziare il prestito in corso, estinguendo il residuo, prevedendo una rata sempre compatibile al quinto dello stipendio o pensione che andrà a sostituire la precedente.

Quando posso rinnovare la cessione del quinto in corso?

La normativa del rinnovo cessione del quinto dello stipendio o pensione è chiara, infatti in base In base all’art. 39 della Legge 180 del 1950 è possibile rinegoziare quando il cedente ha già rimborsato almeno il 40% del debito.

Se si ha un contratto con durata 120 mesi (10 anni), il rinnovo sarà disponibile dopo il quarantottesimo mese (dopo 4 anni).

Per i prestiti con durata uguale o inferiore ai 60 mesi (5 anni) è possibile rinnovare il quinto anche prima di aver saldato il 40% del debito, a patto che si aderisca ad un rinnovo della cessione del quinto decennale, quindi con durata 120 mesi (10 anni), e che in passato non si sia mai attivato una cessione del quinto in 120 mesi.

Nel caso in cui ci sia una durata superiore ai 60 mesi, ad esempio 120 mesi, non sarà possibile fare il rinnovo prima dei quattro anni.

Novità 2020 sul rinnovo della cessione del quinto: acconti e prestiti ante termine

Nel corso di quest’anno Banca d’Italia è intervenuta per sottolineare che il rinnovo cessione del quinto, prima del pagamento dei 2/5 della durata, è vietato come da normativa ed è fatto divieto di erogare acconti (o anticipazioni) e altre forme di finanziamento al fine ultimo di permettere la rinegoziazione anticipata.

Chi può rinnovare la cessione del quinto a Palermo?

Può effettuare la richiesta di rinegoziazione della cessione del quinto chiunque abbia in corso il prestito, quindi tutti i

  • Dipendenti Statali
  • Dipendenti Pubblici
  • Dipendenti Parapubblici
  • Dipendenti Privati
  • Pensionati INPS
  • Pensionati ex INPDAP

Un esempio pratico

Cessione di un quinto in corso con rata mensile di € 300,00 con residuo di 30 rate, considerando il recupero dei costi non goduti si potrebbe avere un conteggio estintivo di euro 7.000,00 circa.
Procedendo con il rinnovo della Cessione del quinto con una nuova operazione con netto erogato di 15.000,00 euro si avrebbe la possibilità di avere nuova liquidità di euro 8.000,00.
Ovvero la differenza tra euro 15.000,00 (liquidità nuovo prestito) ed euro 7.000,00 (residuo finanziamento in corso).

Come richiedere il rinnovo della cessione e i documenti necessari

È possibile richiedere una consulenza gratuita e senza impegno per verificare rata, durata e importo del prestito. I nostri consulenti sono a disposizione per rilasciare ogni tipo di informazione.

I documenti necessari per richiedere il rinnovo della cessione del quinto o della delega di pagamento sono:

  • Documento d’identità e tessera sanitaria in corso di validità;
  • Ultimo cedolino mensile dello stipendio o pensione;
  • Certificazione Unica (ex CUD) relativo all'anno precedente;
  • Certificato di stipendio (se dipendenti);
  • Certificato di quota cedibile (se pensionati, accessibile tramite le nostre sedi);
  • Contratto della cessione del quinto in corso o piano di ammortamento.

In fase d’istruttoria, potrebbero anche essere richiesti altri documenti.

Per avere maggiori informazioni su questa tipologia di prestito e valutare tutti i vantaggi dell’offerta di Santander Consumer Bank a Palermo, compilate il form presente sul nostro sito (preventivo rinnovo cessione del quinto palermo).

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Nome*
Cognome*
Email *
Telefono*
Provincia*
Importo richiesto*
Professione*
Reddito mensile*
Dichiaro di aver letto l’informativa privacy e di prestare liberamente il consenso al trattamento dei dati personali. (art. 6 c.1 lett-b Regolamento Europeo 679/16) Leggi l’informativa.
Procedi


Stampa